LA CASA DI MICOL - INCOLMABILE....

16 novembre 2011

LABBRO D'ALA D'ANIMA IN FRONTE

Per me non vale il detto che un posto vale un altro.
Vorrei, lo dico sinceramente, essere diversa... essere come gli altri, sempre distaccati da tutto. 
La gente non si affeziona a nulla... la gente da un altro metro di proporzione alle cose, agli eventi alle persone stesse con cui hanno rapporti.
Non riesco neppure a confessarlo per la paura di sentirmi ridicola, ma questa storia di dover perdere questo luogo, benchè sia virtuale, benchè la mia parte razionale mi voglia convincere che sto dando un peso eccessivo a questa chiusura della piattaforma... 
Io non sono legata a splinder in generale... è ovvio!
Io sono legata al mio angolo, alla mia stanzetta che ho cercato di curare, per il quale ho imparato delle cose io che non sapevo neppure muovermi con il mouse... Le mie foto, i miei template... e poi i miei affetti che qui hanno lasciato la loro orma... le impronte digitali, un respiro, un pensiero, un sorriso, un bacio.


Io non ce la faccio... soffro moralmente e fisicamente.
Sarà che è tutta una conseguenza di accadimenti in questo periodo, una serie di sconvolgimenti che ho bisogno di un punto fermo.
Di un raccordo di strade che puntino ad un centro.
Questo E' il mio centro.
Non è banale.
Qui mi sono analizzata, mi sono sfogata, qui ci sono le mie speranze e non so spiegarlo ma non serve "traslocare" per rendere inocuo il mio dolore.
E' spezzare qualcosa che ha la sua importanza.
Non mi piacciono gli altri luoghi.
Io voglio tutte le mie cosette al loro posto e mai più lo potranno essere.
Ho bisogno delle mie piccole sicurezze, ignare per gli occhi di chi non capirebbe, che mi diano un labile senso di equilibrio.
Mi si spezza il cuore.
Vi potrò apparire patetica... lo sono? Mi sembra di vedervi fingere un lungo e fisso sguardo su un punto impreciso del paviemento per non guardarmi in faccia, per non dirmi quello che vi passa per la mente su di me.
ma pensate: non ci sto dormendo la notte!

Come sempre da quando ero piccola le cose per me NON DOVREBBERO FINIRE MAI!

Quelle situazioni che in fondo sai che ti daranno quel tepore di braccia accoglienti, fosse anche illusorio... ma ricevere il sollievo dalle preoccupazioni e tutto il resto.
C'è un genere  di perdita che mi distrugge.

Ma è difficile spiegarlo, in fondo chi capirebbe?
Questo blog è il mio alter ego, vederlo un giorno scomparire sarà come morire per metà.

Camminerà una metà di me, si laverà, si vestirà, andrà a fr la spesa... una metà di me.
Immaginatevi una persona a metà... sa di macabro?
Non avete la fantasia che ho io... metà gallina che va per l'aia vi fa sorridere? è un esempio migliore?
Ok! allora sarò mezza gallina a stare su una zampa e cercare di tentare un equilibrio con quella sorta d' ala che il Buon Signore ha dato per uno scherzo: Ti do un'ala sola perchè con due potresti addirittura volare.
E' passato del tempo da quando avevo due ali.
Ora sono solo uno scherzo del destino.
... e chissà quanto se la riderà... lui ... lo scherzo a vedermi ridotta così!
Ora non riesco a controllare la mia follia, non riesco a superare con il ragionamento le mancanze, il silenzio con questo ulteriore cambiamento.

Ho paura... tanta paura... per un blog mi chiedereste voi? Tutto questo per un diario virtuale?
Non è un blog, vi rispondo io... questa è Anima ... avete avuto modo di leggerla e non vi siete accorti d'esserle stati tanto vicini, vi si è offerta, vi ha bagnato con le sue lacrime, vi ha illuminato con il suo sorriso, scaldato con il suo amore... e non vi siete resi conto d'aver accostato la vostra fronte alle labbra di un' Anima. IO!






LA SOFFERENZA APPARTIENE A CHI

ELETTO SI TROVA DIFFRONTE LA PROVA

DEL VARCARE LA SOGLIA EMPATICA

SENZA ALTRE ARMI CHE IL PROPRIO

DESTINO INVISIBILE

UNA FORZA CHE ACCORCIA DISTANZE

CURA FERITE

E POSSIEDE LA CONOSCENZA

DELL'INTRINSECO SIGNIFICATO

SCATURITO DALLA COMPASSIONE E IL PERDONO. 

MICOL


postato da MicolForever alle ore 15:10
mercoledì, 16 novembre 2011

4 commenti:

Anonimo ha detto...

il destino invisibile
una forza che accorcia distanze
cura ferite.........


sei bravissima
mi piace lo sfondo bianco
luceeeeeeeee..........buona domenica!!!

nonnina :-)

Anonimo ha detto...

Mic dove tu essere....
io essere sul machu pichu forse non si scrive così ma si capisce :-) ho lo sfondo sul mio pc
della foto del tuo vecchio blog,ricordi?
Ci sono appena andata guardando la foto e ascoltando dell'ottima musica relaxxxxxxxxxxxxx
ne avevo bisogno e te ne invio quanto te ne occorre...
Torna più luminosa di prima

orsetta :-)

micolforever ha detto...

Ciao nonnina,
per il momento sono ancora di là... qui ci sto ancora lavorando, non mi sento ancora a mio agio e non ho capito totalmente il funzionamento organizzativo per impostare il blog.
Ci vuole tempo e io non ne abbondo, mi piacerebbe impegnarmici di più, ma ... non è così urgente.
Per ora è così e mi fa piacere che comunque tu sia passata a lasciarmi il tuo pensiero, la tua presenza eil tuo colore affettuoso.
Un bacione
(forse dovrò chiedere al Guardiano se mi istruisce se non ricordo male anche lui ha blogger come piattaforma)
scappo
come sempre impegnatissima sto.
GRAZIE
BACI
nonnì

sqwerez ha detto...

quant'è difficile farsi ragione delle cose...
...ma quanto può diventare opportunità se solo riuscissimo a trovare nelle pieghe lo stimolo giusto...